Il modo in cui lo scambio di merci è diventato più veloce, più economico e più rispettoso dell’ambiente nel corso dei secoli è una storia emozionante che riguarda ognuno di noi.

CARP ha accettato la sfida dell’ecosostenibilità da diversi anni ed ora pensa di guardare ad un’innovativa flotta a metano.

Grazie anche all’iniziativa del nostro partner la concessionaria Luigi Bacchi Iveco, 4 nostri soci testeranno per una settimana ciascuno l’Iveco Stralis NP 460 a metano fornito dalla concessionaria stessa.

Camion a metano e GNL per il trasporto merci - senza emissioni

La nuova motrice a gas Stralis NP è in grado di coprire tutte le applicazioni stradali con una potenza di 460 CV e un’autonomia fino a 1600 chilometri.

Un altro importante punto a favore, sono i ridotti costi del carburante, infatti, se immaginiamo che in un viaggio di circa 2.500 chilometri vengano spesi, al netto di iva e accise, circa 800 € di gasolio, con un camion a metano, se ne spendono meno di 500 €.

Possiamo quindi affermare che il gas naturale è un’efficace alternativa al diesel, consente inoltre di circolare liberamente nonostante i vincoli imposti dalle norme antinquinamento che vengono introdotte per abbattere le emissioni di particolato nelle giornate con alti sforamenti.

I veicoli alimentati con LNG diventano pure privilegiati in paesi come la Germania dove vengono esonerati dai pagamenti dei pedaggi autostradali.

Uno Stralis NP alimentato a GNL, rispetto allo stesso veicolo con un motore diesel Euro VI, emette circa il 75% in meno di NOx, il 99% in meno di particolato e fino al 15% in meno di CO2. Nel caso si utilizzi biometano, la riduzione delle emissioni di CO2 arriva al 95%.